Nella civilizzazione delle macchine l’uomo appare meccanizzato non esclusivamente nel cosa, tuttavia perfino nei pensieri e nei sentimenti